Josephine Foster Trio

11 maggio 2009

"La miglior voce del prewar folk? Personalmente non ho dubbi. Non solo: di quel brulicante calderone di nomi che negli ultimi anni ha costretto a rimettere indietro le lancette degli orologi del rock underground americano a me pare anche la miglior penna e l'interprete pi matura". E ancora: "Ogni volta Josephine Foster costretta a stupirci.
Ogni disco che degna della sua voce un approdo, una spiaggia, una terra completamente vergine. Con ogni disco supera il precedente e se stessa, in una gara che vede unici perdenti noi che ascoltiamo... si accompagna stavolta con due chitarre, una acustica per gestire tempi e melodie, l'altra elettrica e a tratti poco meno che lancinante per generare voli e dilatazioni della psiche. I pezzi sono per l'ennesima volta delle autentiche perle...
L'umore che si respira quello austero, misterico e quasi oltrenaturale degli album di Nico...
L'ennesimo tassello di un "nuovo folk" che scava sempre pi dentro le proprie radici; raramente con tanta ispirazione e ragionato sentimento come in questo caso" -
Stefano Isidoro Bianchi (Blow Up)