ROSA EMILIA TRIO / TRIBUTO A JORGE AMADO ORE 21,15

11 maggio 2012

Tributo a Jorge Amado è un progetto che intende omaggiare non solo lo scrittore di Bahia nel centenario della sua nascita ma soprattutto il rilievo della sua opera, la cui eco continua ad essere presente in tutti gli aspetti della cultura brasiliana.
Suggestive pagine di letteratura e personaggi della sensualità di Gabriela “cravo e
canela” diventano così musica e canzone, in un’atmosfera che riporta ai mille colori di Salvador.

Tradotta in 49 lingue e in 55 paesi, l’opera di Jorge Amado ha diffuso nel mondo
l’immagine del Brasile nei suoi tratti più vivaci. Nessuno come Amado, in
particolare, ha saputo descrivere con tanta intensità lo stato di Bahia e il nordest
del paese: l’entroterra agreste, i latifondi di cacao, le spiagge, le foreste di
mangrovie, ma soprattutto le straordinaria ricchezza del paesaggio umano di un
territorio che è da secoli crocevia di popoli e tradizioni.
Protagonisti nei romanzi di Amado sono caratteri luminosi e irrequieti, presenze
vive nel quotidiano che danno voce e corpo ai molti fermenti della cultura popolare brasiliana. Molto spesso donne forti, intraprendenti e sensuali, come Dona Flor, Teresa Batista, Tieta, Dora e Gabriela, figure femminili che sono state centrali in molti adattamenti cinematografici e allo stesso tempo hanno ispirato i grandi autori di Salvador de Bahia. Figli di una città in cui la musica e la danza sono esperienza profonda, intrinsecamente legata alla religiosità afrobrasiliana del candomblè, Dorival Caymmi, Caetano Veloso e Gilberto Gil sono i compositori ai quali è dedicato il repertorio di questo concerto.

Nata a Salvador de Bahia sotto il segno dei Pesci, Rosa vive la musica fin da
bambina quando canta, balla e suona le percussioni alle feste in onore degli orixás
con nonna Emilia, venerata mãe-de-santo. Ha appena 14 anni quando incide per la prima volta la sua voce, prestata a jingle pubblicitari radiofonici. E’ però nel fertile ambiente culturale di Rio de Janeiro, dove si trasferisce nel 1983, che prende forma il cammino artistico di Rosa, all’esordio come solista con l’album
“Ultraleve”. Alla fine degli anni Ottanta approda in Italia, destinato a diventare il
suo paese di adozione. La sua carriera proseguirà da allora su due versanti
paralleli al di quà e al di là dell’oceano. Il suo stile giunge a maturità nell’ambito
della canzone d’autore e del jazz, attraverso collaborazioni importanti: in Brasile
con Nelson Angelo, Sueli Costa, Danilo Caymmi, Jaques Morelenbaum, Nelson Motta, nel nostro paese con Fabrizio De Andrè –registra le voci in portoghese di “Princesa” in “Anime Salve” – e con il pianista Renato Sellani, con il quale dà vita ad un intenso sodalizio.
Nel suo eclettico percorso musicale Rosa esplora però anche generi come la
lounge, con il progetto Batuk che firma “Cruzeiro do sul” (2006), ed il reggae, cui
fa riferimento “Nega Rosa” (1996) e la collaborazione con i Pitura Freska. Con
“Baiana da Guanabara” (2006) e “Álbum de Retratos” (2009) ritrova però
l’ispirazione più profonda, legata ai suoni e ai colori della sua terra.

ROSA EMILIA - voce
CHARLY BERTOLOTTO - chitarra classica
JOSE' ANTONIO MOLINA - percussioni

Ingresso riservato ai soci € 8,00 tessera associativa 2012 € 5,00